Media Riusciremo a conquistare il pianeta Marte?

/media/flashcomm?action=mediaview&context=normal&id=1388
  • 38894
  • 974
Condividi
  • Admin
  • 712 media
  • Caricato 06 gennaio 2018

Portare l'uomo, qualsiasi uomo, su Marte è possibile e la tecnologia potrebbe esserci in brevi periodi di tempo. Elon Musk è l'uomo visionario dietro a questo progetto e ha condiviso i piani di SpaceX per la colonizzazione del Pianeta Rosso. L'evento di presentazione del progetto è stato tenuto alla International Astronautical Conference in Messico con un lungo e coinvolgente discorso intitolato "Making Humans a Multiplanetary Species". Sembra fantascienza ma non lo è: quando? Nel 2025. Quanto? Il costo di un'abitazione degli Stati Uniti. Per chi? Per chiunque.
Come raggiungeremo Marte?
Motori Raptor alimenteranno il cosiddetto "Interplanetary Transport System", un razzo enorme capace di trasportare 100 tonnellate di carico fra rifornimenti e persone verso Marte. ITS avrà bisogno di una spinta di 28.730.000 libbre alla partenza e quindi un totale di 40 razzi Raptor per arrivare in orbita a gravità zero. Una volta in orbita la ITS riceverà un rifornimento di carburante con il quale inizierà il percorso verso Marte, aiutata infine da un gruppo di pannelli solari che genereranno 200kW di potenza fino all'approdo sul Pianeta Rosso.
Quando? Molto presto
SpaceX ha pianificato una missione su Marte dal Kennedy Space Center: i primi test inizieranno nel 2018 con navicelle, booster e prove orbitali, mentre i voli veri e propri saranno organizzati per la fine del 2022. La compagnia pianifica parallelamente il lancio delle capsule Dragon, come previsto precedentemente, le cui missioni inizieranno nel 2018 fino a raggiungere una cadenza regolare come "treni che si muovono fra le stazioni". Musk non ha specificato da dove attingerà per le spese delle missioni, citando sommariamente un'enorme "partnership pubblico-privata".

Categorie: Documentari
Mostra di più

Video CMS powered by ViMP (Professional) © 2018, 2017, 2016, 2015, 2014, 2013, 2012, 2011, 2010