Media Angelo Filomeno

Angelo Filomeno /media/flashcomm?action=mediaview&context=normal&id=1091
  • 2318
  • 4
Condividi
  • Admin
  • 710 media
  • Caricato 25 settembre 2016

L’artista originario di Ostuni approda nel capoluogo lombardo con una personale che celebra tutta l’originalità del suo stile, capace di tradurre in ricamo su stoffe preziose temi macabri e solitamente poco attraenti.
È un fare creativo inconfondibile, quello che contraddistingue la poetica di Angelo Filomeno: artista pugliese di stanza a New York da più di vent’anni, ha fatto della stoffa e del ricamo il suo “marchio di fabbrica”. Fino al 29 ottobre, la sede milanese della Galleria Giovanni Bonelli celebra la sua carriera con una intensa personale, a lui intitolata.
L’esposizione riunisce 10 opere di grandi dimensioni realizzate nel biennio 2014-2015, a formare una catena di rimandi tra i soggetti allegorici e i toni cangianti delle sete. Strisce di stoffe raffinate e umili pezzi di lino grezzo vengono cuciti, tagliati e ricomposti dall’artista allo scopo di formare delle vere e proprie tele su cui prende vita una dettagliata narrazione fatta di ricami e vibrazioni luminose.
Teschi, scheletri e insetti di vario tipo ricorrono nella produzione di Filomeno, che riesce a mettere in equilibrio, sia sul piano estetico sia sul piano concettuale, un’iconografia fatta di solitudini, superstizione, senso di morte e la raffinatezza della tecnica usata. I suoi referenti figurativi risiedono nell’arte dei maestri nordici – da Grünewald a Dürer fino a Bosch, ma anche nelle maschere tribali africane e nelle mitologie giapponesi.

http://www.galleriagiovannibonelli.it/

Categorie: Eventi
Mostra di più

Video CMS powered by ViMP (Professional) © 2018, 2017, 2016, 2015, 2014, 2013, 2012, 2011, 2010